Cuorum Multispecialistico - Galatina (Lecce) | Studio Dentistico
1158
page,page-id-1158,page-template-default,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-7.4,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.2,vc_responsive

Studio Dentistico

studiodentistico2

PREVENZIONE GENERALE: ablazione del tartaro; lezioni di igiene teorica ma soprattutto pratica per ottenere il massimo dell’igiene domiciliare e  un abbattimento significativo delle infezioni gengivali e delle carie dentali; consigli per una corretta alimentazione per migliorare la salute dentale.

CONSERVATIVA: la terapia conservativa pone rimedio ai danni che la corona del dente può subire a causa della carie o di traumi accidentali mediante la riparazione di tale lesione.
Per raggiungere tale scopo è necessario utilizzare materiali compositi di ultima generazione compatibili con i tessuti del dente, con ottime proprietà di durezza e di estetica, di impiego facile e indolore e di lunga durata nel tempo.
Le nuove tecnologie permettono di ridare luminosità ad un sorriso senza alterare la struttura del dente attraverso un processo detto sbiancamento in grado di eliminare decolorazioni di varie origini ad esempio quelle dovute alla nicotina, a traumi o dovute a vecchie devitalizzazioni, in modo indolore e non dannoso per la struttura del dente.
• Sigillatura solchi
• Otturazioni
• Perno prefabbricato
• Ricostruzioni coronali.

ENDODONZIA: L’endodonzia é il settore dell’odontoiatria che si occupa della terapia canalare (devitalizzazione). La polpa dentale é presente sia nella corona del dente che nei canali radicolari, cioè le cavità che nel canale principale ma anche nei piccoli canali reticolari  della radice del dente.

L’endodonzia classico/moderna prevede il  trattamento  del  canale principale  con strumentazione meccanica e lavaggi canalari con sostanze chimiche tossiche, presumendo ,ma,  senza  avere la certezza, della sterilità totale dei canali..

In questo studio, dal 1998, ci avvaliamo di attrezzature presenti sul mercato da oltre 25 anni  (ENDOX ®) e  supportate da bibliografia internazionale che ci consentono il trattamento dei canali principali e accessori senza sostanze chimiche tossiche garantendo la sterilità di tutta la struttura dentale.
• Devitalizzazioni canalari;
• Ritrattamenti canalari.

PEDODONZIA: La pedodonzia é il settore dell’odontoiatria che si occupa della cura dei denti dei bambini. La prevenzione rappresenta per la pedodonzia un obiettivo fondamentale: per questo motivo una prima visita di controllo é consigliata a partire dai 3-4 anni.

  • Pedodonzia e igiene orale. Una corretta igiene orale unita a salutari abitudini alimentari permette di salvaguardare la salute dentale del piccolo paziente a partire dai denti decidui (da latte) fino alla dentatura definitiva. E’ fondamentale, quindi, dare al bambino e ai genitori le informazioni relative alle regole di prevenzione e rimozione della placca batterica e al corretto utilizzo dello spazzolino e del filo interdentale, verificando progressivamente, durante le sedute di controllo, lo stato di salute di denti e gengive.
  • Pedodonzia e carie: prevenzione e trattamento. La sigillatura dei molari permanenti rappresenta una valida strategia difensiva contro la carie pediatrica ed è attuabile, laddove necessario, anche sui denti decidui. La superficie masticatoria dei molari presenta dei solchi profondi, nei quali la placca batterica si annida facilmente rendendo difficoltose e spesso insufficienti le manovre quotidiane di igiene orale. Essendo i molari maggiormente esposti al rischio di lesioni cariose precoci, l’applicazione di una resina speciale lungo i solchi masticatori permette di proteggerne lo smalto, rendendolo inattaccabile dalla placca batterica. L’effetto protettivo della sigillatura può durare diversi mesi: una nuova applicazione si rende necessaria quando la resina é consumata o infiltrata.
  • Pedodonzia e ortodonzia. Fondamentale é il ruolo che riveste la prevenzione nel campo dell’ortodonzia pediatrica. Uno screening precoce delle funzioni occlusive e masticatorie del bambino consente, già in presenza dei denti decidui (da latte), di evidenziare eventuali disallineamenti dentali o anomalie scheletriche (mascellari e mandibolari). Tali alterazioni, intercettate durante il periodo di crescita, possono essere corrette mediante l’ausilio di apparecchi ortodontici, evitando o riducendo l’entità di gravi malocclusioni. La terapia ortodontica precoce, individuando le disarmonie intermascellari più importanti, consente di evitare i lunghi e tradizionali trattamenti ortodontici in età puberale che esitano spesso in compromessi.

ORTODONZIA: L’ortodonzia é il settore dell’odontoiatria che si occupa della diagnosi, della prevenzione e della cura delle malocclusioni presenti qualora vi sia una cattiva relazione di combaciamento fra l’arcata dentaria superiore (mascellare) e quella inferiore (mandibolare). Le malocclusioni sono prodotte da anomalie della posizione e dello sviluppo dei denti (disallineamento dentale) e da alterazioni costituzionali delle ossa mascellari e mandibolari. Obiettivo dell’ortodonzia é trattare e correggere tali anomalie che possono avere ripercussioni importanti sia a livello funzionale che estetico, inducendo disturbi a carico della muscolatura masticatoria e delle articolazioni temporo-mandibolari. Le malocclusioni dentali inoltre (anche in situazioni di compromissione non grave), sono in relazione con le problematiche di strutture ossee, muscolari e fasciali,(psturali).  Ciò significa che le patologie occlusive possono essere in collegamento con tutti gli altri apparati dell’organismo umano ed essere causa o concorre a vari disturbi quali cefalee, vertigini, squilibri posturali (scoliosi, ernie discali…..), cervicalgia, disturbi della vista….. L’ortodonzia moderna  si interessa principalmente dell’allineamento e al rapporto dentale e se associata a uno studio gnatologico neuro-mio-fasciale del rapporto intermascellare si può raggiungere un rapporto stomatognatico locale in equilibrio generale con la totalità degli apparati.

PARODONTOLOGIA: la cura di tutto quello che sta intorno al dente, mucosa gengivale e osso elveolare.

Il successo a lungo termine è determinata da una corretta igiene domiciliare, per questo motivo il  trattamento paradontale locale o generalizzato si basa sulla lezione di igiene effettuata prima di ogni manovra interventistica per insegnare a livello teorico ma soprattutto pratico le manovre del corretto uso  dello spazzolino e del filo interdentale.

La sola azione meccanica di questi due strumenti è quella che determina la vera rimozione della placca, tutto il resto dentifrici, colluttori e vari prodotti sono solo un supporto ma non sono determinanti per il successo.

Gli interventi possibili specialistici vanno dallo splintaggio di denti mobili per favorirne la guarigione al courettaggio delle tasche, dalla gengivectomia alla chirurgia con traslazione di lembi mucosi e rigenerazione ossea.

CHIRURGIA ODONTOIATRICA: La chirurgia orale rappresenta una parte rilevante nella pratica odontoiatrica.
Mediante tali interventi ci proponiamo di ripristinare la salute della cavità orale.
Presso il nostro studio si eseguono tutte le azioni chirurgiche correnti e di chirurgia avanzata tra le quali:

 

  • Scappucciamento mucosoe/o aggancio di incluso in ortodonzia
  • Incisione ascesso
  • Apicectomia monoradicolato e pluriradicolato
  • Cisti ossee 
  • Reimpianto dente per avulsione traumatica
  • Comunicazione oro-sinusale
  • Grande rialzo seno mascellare
  • Mini rialzo seno mascellare
  • Lussazione mandibolare ATM
  • Split crest
  • Estrazioni ottavi inclusi

IMPIANTOLOGIA: L’implantologia dentale consente oggi di far fronte alla perdita dei denti naturali ripristinando il sorriso del paziente in modo perfettamente funzionale ed esteticamente valido. Il ricorso all’implantologia dentale permette infatti una riabilitazione fissa della masticazione, evitando i fastidi legati all’utilizzo di protesi mobili (dentiere) ottenendo un risultato estetico simile a quello naturale.

La tecnica implantologica prevede l’inserimento chirurgico nell’osso mandibolare o mascellare, di perni in titanio (materiale biocompatibile per l’organismo), i quali fungono da sostegno fisso per ogni elemento dentale artificiale.Il meccanismo di osteointegrazione avviato dalla naturale guarigione ossea, consente agli impianti di venire progressivamente e saldamente inglobati dall’osso nel quale sono stati posizionati.

PROTESI MOBILE E FISSA: Le protesi dentali hanno il compito di riabilitare le funzioni orali dei pazienti affetti da edentulia (mancanza di denti) parziale o totale, mediante la sostituzione dei denti naturali con elementi dentari artificiali.
Alcuni tipi di interventi protesici possono essere utilizzati per correggere anomalie estetiche di forma, colore o posizione dei denti naturali.
Si possono distinguere diverse tipologie di protesi dentali:

  •  protesi fissa: sostituisce gli elementi dentari naturali con manufatti definitivi e stabili. Si tratta di corone (sostituti artificiali di un solo dente) e ponti (sostituiti di più elementi dentari) cementati a pilastri di sostegno naturali (denti e radici contigui) e perciò non rimovibili dal paziente.
  • protesi mobile: é volta a sostituire una parte o l’intera arcata dentaria e può essere rimossa dal paziente allo scopo di eseguire le ordinarie manovre di igiene quotidiana.

ESTETICA DENTALE: sbiancamento dentale con laser senza danno dello smalto, faccette estetiche

GNATOLOGIA: La gnatologia (letteralmente studio delle mascelle), é la branca medica che si occupa di fisiologia e patologia dei rapporti dell’ occlusione dentaria, comprendendo nel proprio campo di studio denti, articolazioni temporo-mandibolari (ATM), muscoli, fascie e sistema nervoso.
Le malocclusioni possono essere in relazione ad alterazioni importanti a livello vertebrale e cranico, provocando algie cervicali, click (scatti) mandibolari, cefalee, complicazioni muscolari (in particolare del collo e facciali), disturbi della vista e dell’udito, problematiche posturali.

Viceversa, anomalie ossee, articolari e posturali, possono generare squilibri in grado di compromettere una corretta occlusione dentale.
La gnatologia rappresenta dunque una disciplina molto complessa, in grado di interagire in maniera traversale con tutte le branche dell’odontoiatria e promuovere la collaborazione fra diverse specialità mediche: neurologia, osteopatia, oculistica, otorino- laringoiatria.
Elettromiografia di superficie (EMG) e kinesiografia sono ulteriori strumenti non invasivi fondamentali all’odontoiatra o al medico gnatologo per la diagnosi e il controllo delle problematiche stomatognatiche, nonchè per la progettazione e la correzione con RONMF (Riequilibratura Occlusale Neuro – Mio fasciale o byte). L’elettromiografo di superficie rileva l’attività muscolare a riposo e in funzione, in tempo reale e in sincronismo con la visualizzazione dei movimenti mandibolari rilevati dal kinesiografo con la precisione del decimo di millimetro senza toccare il paziente.

La gnatologia neuro-mio-fasciale è il futuro dell’odontoiatria.

La gnatologia classico-moderna si basa sui denti e confonde l’occlusione dentale con la gnatologia: il suo focus è la Struttura e spera che la Funzione gli si adatti.

Invece la gnatologia neuro-mio- fasciale parte dalla funzione individuale ed è su questa che adatta la struttura di supporto.